loader image
Immagine1

Tutto ciò che c’è da sapere sul mondo delle Tisane, degli Infusi e del Te’

La differenza tra tè, tisana ed infuso non è molto chiara. Spesso tali termini vengono confusi ed utilizzati in contesti sbagliati.

Le bevande calde “condite” di erbe naturali sono un’abitudine sanissima che ognuno dovrebbe avere. Alcune sono più indicate per la mattina, altre per la sera, per il sonno, la digestione, la stanchezza e via dicendo, l’importante è trovare il giusto mix per venire incontro alle proprie esigenze.


Il tè (rito inglese per eccellenza ma di origine cinese), comprende tutte le bevande che si ricavano esclusivamente dalla pianta della Camellia sinensis e della Camellia Assamica. In base al tipo di trattamento a cui vengono sottoposte le foglie si possono ottenere prodotti diversi tra loro per colore, aroma e sapore. Ogni tipologia di tè che conosciamo, quindi, dipende solamente dal tipo di lavorazione a cui vengono sottoposte le foglie di Camelia, sulle quali influisce il grado di ossidazione.

Tra i tè più noti troviamo:

  • Tè nero: dal gusto forte e deciso, ideale per la prima colazione, migliora la salute cardiovascolare;
  • Tè verde: stimola il metabolismo e ha effetti dimagranti;
  • Tè rosso: privo di teina e a basso contenuto di tannini, dal sapore dolciastro, ha proprietà antiossidanti e protettive, che rallentano l’invecchiamento.

Il tè è un prezioso alleato contro le malattie: aiuta a regolare la pressione arteriosa e migliora la circolazione sanguigna, prevenendo il rischio di ictus. Apporta benefici anche alla pelle e alla linea: la composizione chimica di questa bevanda, infatti favorisce l’assorbimento dei grassi.

Le tisane sono tutte quelle miscele di erbe diverse tra di loro che si preparano in acqua calda. Nelle tisane devono essere presenti almeno tre fattori:

  • Il rimedio base che fornisce il principio attivo terapico della bevanda (calmante, digestivo, diuretico, dimagrante, ecc.);
  • Il rimedio sinergico che fa da supporto al base e ne favorisce l’assorbimento;
  • Un complemento che lega insieme tutti gli ingredienti e ne migliora le proprietà.

La tisana è prodotta dall’infusione di una combinazione di massimo sei piante officinali. Queste piante vengono sminuzzate secondo un preciso procedimento, immerse in acqua bollente e lasciate in infusione per 5/10 minuti.

Lo sminuzzamento è molto importante e permette di far fuoriuscire tutte le proprietà officiali della pianta stessa. Dentro una tisana potrete trovare erbe, spezie, frutti o altri componenti vegetali e a differenza di un infuso non bisogna versarci l’acqua calda sopra, ma va prima servita l’acqua bollente e di conseguenza intingere il filtro.

Se in passato la preparazione delle Tisane era esclusivamente volta a sfruttare gli scopi medicinali delle erbe, in epoca moderna il progresso della scienza ha fatto sì che il consumo di queste bevande si trasformasse in un piacere quotidiano più che in un modo di curarsi. Ciononostante, nel caso di lievi disturbi fisici si può ancora scegliere di ricorrere ad una tisana grazie alla straordinaria semplicità della sua preparazione, che si può svolgere per infusione, macerazione o decozione. Infatti, è possibile preparare tisane con la maggior parte delle piante presenti in natura, per cui i benefici di queste bevande sono potenzialmente infiniti.

Le tisane più efficaci, sia per prevenire che per porre rimedio a piccole problematiche giornaliere o stagionali:

  • Tisane sedative: a base di passiflora e biancospino sono in grado di donare un piacevole sollievo a chi soffre di problemi di digestione o di bruciore allo stomaco;
  • Tisane lassative: preparate principalmente a base di serra e frangola, oppure di cascara sagrada e rabarbaro sono ideali per ridurre gonfiore addominale e migliorare problemi intestinali.
  • Tisane digestive: a base di melissa e menta sono preziose alleate dopo pasti molto ricchi;
  • Tisane depurative e diuretiche: unendo fumaria e rafano nero, oppure di liquirizia e bardana potrai ottenere un prodotto che ti aiuterà a depurarti e ridurre la ritenzione idrica;
  • Tisane afrodisiache: a base di ginseng e damiana, oppure di ginseng ed echinacea queste preparazioni aumentano il desiderio.

Le tisane sfuse sono di maggiore qualità, non contengono altro che piante e sono decisamente più efficaci, soprattutto se vengono utilizzate come bevanda naturale per risolvere qualche piccolo problema di salute e stare meglio. Non bisogna preparare la tisana troppo in anticipo ed è meglio buttarla se non viene consumata in 24 ore a meno che la ricetta non specifichi che puoi conservarla. In linea di massima le tisane dovrebbero essere preparate sul momento e, durante l’infusione, dovrebbero essere coperte con piattino o un coperchio per tisane, così da evitare che le sostanze volatili possano evaporare e far perdere così efficacia alla bevanda.

L’infuso si definisce come una preparazione liquida ottenuta versando acqua bollente sulla fonte vegetale da cui si desidera estrarre la componente idrosolubile e anch’esso può essere composto da un’erba o spezia in particolare o un misto di più componenti.

L’infuso prevede una tecnica estrattiva che non necessita dell’ebollizione degli ingredienti nell’acqua. La temperatura massima raggiungibile dovrebbe essere di 95°C e le foglie vanno infuse solo dopo che l’acqua ha raggiunto la temperatura ideale.

Gli strumenti adatti a realizzare un infuso possono essere una teiera con filtro in acciaio rimovibile, comoda non solo per preparare il tè, ma anche per infondere altre tipologie di foglie. L’infusione dura qualche minuto a seconda del tipo di foglia che si vuole preparare. Al termine, si filtra il preparato e si beve il liquore, ovvero il risultato puramente liquido di tutto il processo.

L’infuso è una tisana molto più leggera; l’acqua bollente viene versata sul composto vegetale formato solamente dai fiori e foglie che donano un aroma molto più delicato. Il tutto viene lasciato a riposare in infusione per 5-10 minuti e poi filtrato. È possibile dolcificare con miele, zucchero o stevia. In caso di raffreddore dolcificare con il miele, potente antibiotico naturale.

Infine, il decotto, ha una tecnica di preparazione completamente diversa: si ottiene facendo bollire direttamente dentro l’acqua le erbe vegetali interessate.

La cosa bella che accomuna tutte queste diverse tecniche di preparazione è fondamentalmente una: fanno bene, sono salutari e possono davvero essere un incremento benefico all’interno delle nostre esigenze alimentari quotidiane.

CONDIVIDI IL NOSTRO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
Condividi su email
Condividi su whatsapp
I Love Tisana, Sconto 10%